CHI SIAMO

Quando, nel lontano marzo del 1976, le antenne di Radio-Senise-Centrale cominciarono a solcare l’etere per raggiungere le case dei lucani, dopo le prove tecniche effettuate nel 1975, l’Italia aveva imparato da poco a conoscere il mondo delle radio libere, e l’area sud di quella generosa terra di agricoltori, artigiani e giovani imprenditori che era allora la Basilicata, viveva uno dei suoi tanti momenti di speranza. I campi variamente coltivati nella grande distesa dell’alveo del secolare fiume Sinni, che conobbe le navi di Greci e colonizzatori, stavano per scomparire proprio sotto le sue acque, non più copiose come allora da essere navigate da grandi imbarcazioni, ma sbarrate proprio al termine della piana, dove sorge ancora oggi la diga più grande d’Europa in terra battuta: la diga di Monte Cotugno. Fu in quegli anni che un gruppo di giovani ebbe l’idea di rimettere in funzione un vecchio trasmettitore e cominciare a diffondere musica, notizie e programmi culturali, con particolare attenzione ai problemi di carattere sociale e agli avvenimenti che a vario titolo segnarono la vita di Senise e dei paesi vicini. A poco a poco, così, il palinsesto di Radio Senise Centrale si arricchì di proposte ricche e innovative. Dai programmi di musica di nicchia, ai quiz in diretta telefonica alle famigerate dediche, fino ai programmi in dialetto, destinati a catalizzare un successo tale da trasformarsi presto in vere e proprie rappresentazioni teatrali. Il tutto sostenuto grazie alla pubblicità di aziende, commercianti e professionisti di un’area, come quella del sud lucano, che viveva allora il grande sogno dello sviluppo industriale. A distanza di oltre quarat’anni dal suo esordio Radio Senise Centrale ritorna a trasmettere. Grazie alle nuove tecnologie oggi non è più solo una radio da ascoltare, ma anche una radio da guardare e un sito con cui interagire e dialogare. Da ogni parte del mondo!